Asana per il cuore – La gioia empatica


Già in altri articoli abbiamo parlato di come le posizioni che il nostro corpo assume possono influenzare la nostra mente e il nostro stato emotivo.

Le posizioni che aprono il petto, oltre a portare benefici fisici alla respirazione, aiutano ad aprire il Chakra del Cuore, quindi a essere più empatici, a sentire di più gli altri.

Asana per il cuore

Solitamente le persone timide o che hanno paura di essere ferite assumono una posizione di chiusura del petto (dove risiedono gli organi vitali come cuore e polmoni) incrociando spesso le braccia o camminando, con alcuni oggetti davanti al petto (es. dei libri).

Ma siamo davvero delle persone empatiche, che riescono a condividere davvero quello che provano gli altri? E’ abbastanza semplice, vedendo una persona sconosciuta, o ancora più un amico o un famigliare che sta male, condividere con lui quell’emozione (difficile non piangere di fronte ad una persona che piange)….ma saremmo altrettanto capaci di sentire e condividere in maniera autentica la gioia e il piacere che queste persone provano?

Le asana con piegamento all’indietro ci aiutano a lavorare proprio sull’empatia. Le posizioni di apertura del petto trasmettono un senso di vulnerabilità, esprimono la disponibilità ad essere feriti dalla vita, perché dove c’è apertura c’è vita autentica, altrimenti troviamo solo chiusura, timore e paura.

Nei prossimi articoli parleremo di alcune asana che lavorano sull’apertura del cuore:

E se vuoi scoprire le principali regole per costruire una pratica yoga corretta, allora registrati e riceverai gratuitamente la mia mini-guida pratica per costruire la tua sequenza yoga. Riceverei inoltre informazioni sul mondo dello yoga, recensioni su prodotti che ho già provato per te, libri, consigli e tanto altro.

registrati-ora

ATTENZIONE: se non ti dovesse arrivare subito la mail, controlla anche nella cartella SPAM, a volte potrebbe finire in questa cartella per errore

Se pensi che questo articolo possa interessare anche ad altri, condividilo sui tuoi social (Google+, Facebook, Twitter). Mi aiuterai ad aiutare altri a costruire una pratica yoga corretta.

Namastè