Yoga a casa: 7 passi da seguire


yoga a casa

Ti stai chiedendo se sia possibile praticare yoga a casa da soli?

Hai poco tempo a disposizione, o viaggi molto, oppure hai bisogno di un momento tutto per te non legato agli orari dei corsi collettivi?

Ecco per te 7 passi che ti consiglio di seguire per iniziare a fare yoga a casa

1) Ritagliati un routine all’interno della tua giornata/settimana

Se trovi il tempo per lavarti i denti, per preparare da mangiare e per guardare un po’ di televisione, puoi trovare sicuramente un momento da dedicare alla pratica yoga.

Io prediligo la costanza alla quantità. Pertanto, se all’inizio ti risulta difficile trovare il tempo, prova a ritagliarti semplicemente 5 o 10 minuti ma tutti i giorni. Provando su te stessa/o i benefici della pratica, potrai dedicare via via sempre più tempo e con meno sforzi alla tua pratica.

In Poco tempo e senza quasi accorgertene, avrei trovato anche un’ora di tempo da dedicare alla tua routine.

Parti quindi con calma, accontentati di poco ma di una pratica costante (nello yoga si parla di santosa, che fra l’altro è una delle indicazioni – yama e niyama – sulla condotta di vita proposte da Patanjali nel suo fondamentale testo, gli Yogasutra).


Un libro che ti consiglio

I Commenti agli Yoga Sutra di Patanjali di B. K. S. Iyengar è un libro che ti consiglio caldamente, non può mancare nella libreria di uno yogi, principiante o esperto che sia. Qui i sutra vengono spiegati dal grande maestro B.K.S. Iyengar. Ogni sutra, scritto anche in sanscrito, viene tradotto molto bene, sia parola per parola che come intero sutra, con commenti completi, semplici e discorsivi nella lettura, mai prolissi.


2) Scegli il luogo, il momento e l’abbigliamento più adatto per praticare yoga a casa

Per praticare yoga a casa scegli un luogo tranquillo, possibilmente che sia sempre lo stesso: ti aiuterà a rafforzare la regolarità della pratica.

Meglio 10 minuti tutti i giorni alla stessa ora che un’ora ogni tanto.

Se pratichi al chiuso, sopratutto d’inverno, ricordati di areare bene la stanza prima della pratica. Se poi riesci a praticare all’aperto, magari in un parco, sarebbe l’ideale.

Scegli un abbigliamento comodo, possibilmente in fibra naturale, e fai pratica prima di mangiare.

Ancora meglio sarebbe ripulire le vie respiratorie magari utilizzando alcune pratiche come quella dello Jala Neti che spiego in questo articolo in modo da prepararti per gli esercizi di respirazione.

Se proprio dovessi consigliarti un momento della giornata, sceglierei il mattino, quando la mente è più tranquilla, per caricarti in vista della giornata. Oppure, se hai bisogni di distensione e rilassamento, la sera, prima di cena.

3) Scegli una sequenza adatta a te

Nel costruire la tua pratica di yoga a casa, scegli una sequenza che si adatti al tuo organismo, al momento della giornata, alla stagione, alle tue caratteristiche e agli obiettivi che vuoi raggiungere.

Parti con poche aspettative e sempre con calma, senza esagerare. Ricorda: meglio poco ma con costanza.

Ognuno di noi è diverso e dato che lo yoga consente di crearti una lezione su misura per te, sfrutta questa occasione.


StefanoSe non sei un praticante di yoga esperto o se vorresti il consiglio di qualcuno che ha più esperienza, posso offrirti la possibilità di avere un Personal Yoga Coach tutto per te. Lo yoga coaching è una pratica relativamente nuova ma che ha radici profonde nella storia dello yoga: un tempo si parlava di rapporto maestro-allievo.

Io però non voglio essere un maestro ma più un amico, competente e preparato, e ti aiuterò a vivere con lo yoga un’esperienza olistica di riscoperta di te stesso, ampliando le tue capacità fisiche e mentali e sperimentando un costante miglioramento della tua energia vitale.

Se vuoi saperne di più qui trovi tutte le informazioni per ricevere una sequenza di yoga personalizzata.


4) Equanimità: concentrati sul qui ed ora

Lo yoga è una pratica fisica ma coinvolge anche la sfera emotiva: praticando potrebbero affiorare in te emozioni come paura, rabbia, gioia….è normale, non preoccuparti e continua a respirare e praticare.

Lo yoga a casa è anche meditazione….praticando attraverso le asana o le tecniche di pranayama, cerca di mantenere l’attenzione al momento presente, penserai dopo al lavoro, ai bambini da accompagnare a scuola, a sistemare la casa… vivi il momento presente con tutta/o te stessa/o.


Se vuoi approfondire il significato nascosto delle posizioni yoga, un ottimo libro che ti consiglio è Il Linguaggio nascosto dell’hatha yoga. Un libro piacevole e completo, che sa fondere armoniosamente gli aspetti linguistici, psicologici e spirituali, con spiegazioni chiare, adatte sia all’insegnante che all’allievo.


5) Costruisci la tua pratica

Se frequenti un corso puoi prendere spunto dalle lezioni alle quali partecipi per costruire la tua sequenza personalizzata di yoga a casa oppure puoi chiedere al tuo insegnante di trascriverti una sequenza che ti è piaciuta particolarmente.

Sul mio blog LiberaMenteYoga.it ho scritto diversi articoli su come eseguire le diverse asana oppure puoi acquistare il mio e-book “YogaBOOK” dove spiego quali sono i criteri per costruire la propria routine yoga. Se invece stai cercando un programma yoga personalizzato studiato sulle tue esigenze e sugli obiettivi che vuoi raggiungere allora contattami

Per cominciare ci sono 5 regole base da seguire che spiego in dettaglio nella mia guida gratuita:

  1. Parti da te stessa/o
  2. Osservati continuamente
  3. Impara la differenza tra le 10 tipologie di asana
  4. Identifica i  3 momenti della pratica (riscaldamento, pratica, defaticamento)
  5. Scegliere la sequenza corretta di asana

6) Porta lo yoga nella tua vita quotidiana

Praticare yoga, che tu sia un principiante o un esperto yogi, ti porta a confrontarti con numerosi aspetti della tua persona, attraverso un approccio olistico che coinvolge contemporaneamente, come ti ho già spiegato, sia il piano fisico che quello emotivo e quello mentale.

Ti insegna a non preoccuparti di raggiungere subito la performance ottimale, dentro e fuori dal tappetino, ma di abituarti a perseguire l’obiettivo senza avere timore del fallimento, riflettendo invece sul percorso che fai e che attraverso il tuo impegno ti porterà ad una maggiore stato di benessere generale, non solo sul tuo tappetino ma sopratutto nella vita di tutti i giorni.


Se vuoi leggere uno dei migliori libri di yoga, per iniziare ma anche per approfondire, ti consiglio IL CUORE DELLO YOGA di T.K.V. Desikachar che spiega tutto ciò che bisogna sapere sulla materia “yoga”. Qui trovi anche una mia recensione al libro.


7) Un buon compagno di viaggio: un libro sullo yoga

Pratico yoga da molti anni e nel mio percorso di formazione ho capito quanto sia importante non solo la pratica sul tappetino ma anche approfondire le mie conoscenze. Come?

Leggere libri sullo yoga è una cosa che può darti veramente tanto, un momento di approfondimento, un’occasione per riflettere e per trovare nuovi spunti per la tua pratica quotidiana.

Nella mia vita ho letto diversi libri sullo yoga, a volte consigliati, a volte frutto della mia curiosità.

Qui trovi 10 libri che vorrei suggerirti di leggere

Inoltre ho preparato una sessione apposita del blog che raccoglie diversi libri sullo yoga, divisi per argomento di interesse, Sono sicuro che troverai quello che fà anche al caso tuo 🙂

….e 8) Un ultimo consiglio

Se non lo hai già fatto, vorrei darti un altro utile consiglio.

Vuoi scoprire le principali regole per costruire una pratica yoga corretta? Registrati e riceverai gratuitamente la mia guida pratica per costruire la tua sequenza yoga. Riceverei inoltre informazioni sul mondo dello yoga, recensioni su prodotti che ho già provato per te, libri, consigli e tanto altro.

registrati-ora

ATTENZIONE:
Dopo esserti registrato, ti invieremo entro pochi minuti una mail per verificare il tuo indirizzo email. Apri il messaggio che ti abbiamo mandato e fai clic sul link di conferma. Se la mail di conferma non ti dovesse arrivare entro 15 minuti controlla anche nella cartella SPAM, a volte finiscono in questa cartella per errore.

Se pensi che questo articolo possa interessare anche ad altri, condividilo sui tuoi social (Google+, Facebook, Twitter). Mi aiuterai ad aiutare altri a costruire una pratica yoga corretta.

Buona primavera!

Namastè